Al via Beerattraction: gli eventi da non perdere

RIMINI. Tutto pronto per la terza edizione di Beerattraction è in programma dal 18 al 21 febbraio 2017. La sezione dedicata alla birra resterà il cuore della manifestazione, concentrandosi sulle eccellenze brassicole italiane e internazionali, puntando sia alle sempre più diffuse e irrinunciabili specialità birrarie, che al mercato dei microbirrifici, con un occhio anche alle collettive regionali estere e alle altre bevande.

Si completa il format con il settore FOOD che accompagnerà le specialità birrarie e le birre artigianali. Più spazio anche per le tecnologie con una sezione dedicata al processing and packaging.

 

beer attraction.jpg

 

GLI EVENTI DEL BEER ARENA

Corsi di spillatura e degustazioni, aggiornamenti per i professionisti del settore, oltre all´appuntamento da non mancare con Birra dell´Anno, l´evento targato Unionbirrai che ogni anno attira l´intero mondo della birra artigianale italiana. L´area Beer Arena sarà un luogo di incontro e scambio.

Ecco i principali appuntamenti in programma:

Sabato 18 febbraio dalle 11.00 presso il pad.C5: LAB DEGUSTAZIONE . ´Birra e cioccolato: unione di fatto´
Un inaspettato marriage presentato in quattro formule diverse che vi porteranno in giro per il mondo. Che sia al latte, bianco, fondente o aromatizzato, il cioccolato rappresenta una vera sfida per chi voglia creare un accostamento, soprattutto quand´è di birra che si parla. Un laboratorio per scoprire come la nostra amata birra sia molto più versatile di quanto si possa pensare. A cura di Elisa Marini Diomedi, Unionbirrai Beer Taster. A seguire, dalle 14 la CERIMONIA DI PREMIAZIONE di BIRRA DELL´ANNO 2017 dedicata alle migliori produzioni artigianali italiane. Il premio, giunto alla sua XII edizione, riconoscerà le birre più meritevoli sull´intero territorio italiano. Organizzata da Unionbirrai.

Domenica 19 febbraio si inizia alle 11.00 con il LAB DEGUSTAZIONE . ´Food & Beer pairing: incontri segreti tra birra e cibo´. Un breve viaggio all´interno dello sconfinato mondo degli intrecci tra i diversi sapori. Dalla tecnologia alla cultura popolare. Dalla curiosita´ delle diverse interazioni alla grammatica del gusto. A cura di Fulvio Giublena Unionbirrai Beer Tasters. A seguire, dalle 12.30 il LAB DEGUSTAZIONE . ´Nel mondo delle basse fermentazioni´. Un affascinante viaggio degustativo nelle basse fermentazioni italiane. Il laboratorio, dedicato a quelli che non amano la moda e si sono già stancati delle IPA, al ritorno alla vecchia scuola, alla birra che si beve nel boccale, ai bicchieri col ´coperchio´ e una delle grandi sfide per il birraio: fare birra senza luppoli strani, frutta, spezie e chissà quali diavolerie, solo tempo, pazienza e basse temperature. A cura di Alessio Facchini Unionbirrai Beer Tasters. Per gli amanti della pratica, da non perdere, alle 13.45, il Corso di spillatura ´Impariamo l´arte del perfetto servizio´ curato da Michele Galati, titolare del Pub The Dome/Nembro (BG).
Alle 15.30 Alfonso Del Forno, Unionbirrai Beer Tasters, ci propone il LAB DEGUSTAZIONE . ´Si fa presto a dire IGA´. Il laboratorio sarà un viaggio attraverso la biodiversità italiana e la capacità dei produttori di interpretare lo stile birrario inserito nel BJCP dal 2015. A differenza della gran parte degli stili internazionali, le Italian Grape Ale hanno pochi vincoli stilistici, cosa che lascia grande spazio alla fantasia dei birrai nostrani. Alle 17.00 è invece la volta del ´Belgio italiano . LAB DEGUSTAZIONE´: come i birrai italiani interpretano gli stili del Belgio. Il Belgio è una nazione davvero unica, agli inizi del Novecento si contavano più di 2100 birrifici, le grandi guerre purtroppo hanno fatto perdere gran parte di questi produttori ma, fortunatamente, le produzioni di grandi birre non si sono mai interrotte. Andrea Zuccarini, Unionbirrai Beer Taster, ci guiderà attraverso un viaggio virtuale del Belgio, utilizzando come mezzo le birre di ispirazione belga prodotte dai birrifici artigianali italiani, birre dalla grande tradizione contenenti quel pizzico di pazzia e innovazione che solo noi del Bel Paese sappiamo infondere.

Lunedì 20 febbraio alle 12.00 sarà la volta del LAB DEGUSTAZIONE . ´Non è colpa mia, ho un pH basso´. Acidità nelle birre italiane. Assaggeremo insieme le Ôbirre sour´ italiane, percorrendo prima la storia delle birre tradizionali a pH basso, e discutendo poi con i birrai l´interpretazione nazionale di queste produzioni alla scoperta della filosofia di ogni prodotto. Con Manila Benedetto, Unionbirrai Beer Tasters. In replica il CORSO DI SPILLATURA – ´Impariamo l´arte del perfetto servizio´ alle ore 13.30 . Pad. C5, a cura di Michele Galati, titolare del Pub The Dome/Nembro (BG). A seguire, dalle 15.30 il LAB DEGUSTAZIONE . ´L´abbinamento (IM)PERFETTO´ . Tecniche di degustazione del cibo e abbinamento con le birre. L´abbinamento della birra ai piatti della ristorazione è sempre più attuale e affinché possa essere corretto, è necessario saper riconoscere le caratteristiche del cibo. Durante il laboratorio saranno esaminate le proprietà dei piatti, mettendo in evidenza i possibili abbinamenti, nelle infinite varianti. Il laboratorio, a cura di Alfonso Del Forno, Unionbirrai Beer Tasters, sarà replicato anche martedì 21 febbraio alle ore 12.00.

 

beer attraction.jpg

 

BBTECH LAB: TUTTI GLI APPUNTAMENTI

Tra le novità del 2017 l´area dedicata agli approfondimenti sui temi degli impianti, delle materie prime e dell´innovazione.

Si inizia sabato 18 febbraio dalle ore 13 presso il pad.A5 con il convegno a cura di UBERTI SRL, in collaborazione con BCI Budapest Kft, azienda leader in Ungheria nella produzione di lievito fresco per birra. L´argomento trattato è il ´Lievito a bassa fermentazione in forma pressata´. La BCI si racconterà attraverso la sua storia, i suoi obiettivi di business per il 2017, il suo prodotto e il tipo di lievitazione usata, i partner e i clienti internazionali. Il convegno si terrà interamente in inglese con la presenza di un traduttore.
A seguire, dalle 14 sempre presso il padiglione A5, il CERB Centro di Eccellenza per la Ricerca sulla Birra affronterà il tema de ´La maltazione dei cereali alternativi per il processo di produzione della birra´, un focus sulle attività di ricerca sulla maltazione del riso e del farro che hanno permesso di produrre birre senza l´ausilio di enzimi esogeni e al 100% con questi cereali.
Alle 17 il primo dei tre appuntamenti dedicati alla materia prima della birra: ´Luppoli d´Italia´. Può un luppolo selvaggio, portato secoli fa in Italia per amore della birra dal condottiero dell´Impero Raimondo Montecuccoli la cui storia si perde nella leggenda, mettere in discussione l´egemonia dei nobili parenti mitteleuropei? Un viaggio che, partendo dalle più antiche tradizioni, toccherà frontiere e nuovi orizzonti degli aromi ´Madeinitaly´ più recenti ed innovativi, con degustazioni di birre wet hop, fresh hop e con nuovi incroci sperimentali italiani. A cura di Eugenio Pellicciari – Italian Hops Company e Riccardo Grana Castagnetti Unionbirrai Beer Tasters.
Domenica 19 febbraio, dalle 10.45 presso il Pad.A5 il CERB propone un nuovo approfondimento tematico: ´Trouble shooting sul processo di produzione della birra´. Un focus sulle più comuni problematiche che possono originarsi nel processo di produzione della birra e sulle possibili soluzioni per poter risolvere o ridurre al minimo le criticità. La centrifuga: un trouble shooter nel processo di fabbricazione della birra. Intervento a cura dell´azienda SPX FLOW Technology.
Alle 12.15 invece, nel Pad.A5 si parlerà del ´Luppolo made In Italy´ . un progetto di Rete. Verrà presentato il Progetto di Filiera del Luppolo a cura di: Luca Stalteri Pro BIO, Sara Mercati ABOCA, Roberto Volpi Gruppo Agricooper, Stefano Fancelli Fonderie Digitali, Giuseppe Perretti CERB Centro di Eccellenza di Ricerca sulla Birra, Giuliano Polenzani Regione dell´Umbria Dirigente Innovazione. Interverranno invece nel talk ´La sfida del Luppolo´: UnionBirrai, Fernanda Cecchini, Assessore all´Agricoltura della Regione dell´Umbria, Luca Stalteri, Rete ´Luppolo Made in Italy´, l´On. Luca Sani, presidente della Commissione Agricoltura alla Camera dei Deputati. Evento curato da CERB . Centro di Eccellenza per la Ricerca sulla Birra.
Alle 14.00 il Dipartimento di Scienze Agro Alimentari, Ambientali e Animali dell´Università degli studi di Udine propone un dibattito su ´La micromalteria: l´anello mancante dal campo al boccale´. La sempre maggiore valorizzazione del territorio per la produzione delle birre artigianali si occupa della micromaltazione, che consentirebbe l´uso di cereali del territorio, rappresentando l´anello mancante nella filiera. Chiude la giornata Unionbirrai sul tema: PIM – Progetto Imprenditoriale Microbirrificio, che offre alcuni accorgimenti per chi voglia intraprendere l´attività di birraio artigianale. Dalle h. 16.00 presso il Pad.A5.
Lunedì 20 febbraio si parlerà di controllo della qualità e dell´imprenditoria. Dalle 11.00 infatti Anton Paar propone il ´Craft2Craft´. Parlerà del controllo qualità durante il processo produttivo delle birre artigianali. Alle 14.00 l´appuntamento prosegue, sempre nel Pad.A5, con il CERB Centro di Eccellenza di Ricerca sulla Birra, che affronterà il tema de ´L´importanza del controllo qualità sul processo di produzione della birra´. Unionbirrai torna invece alle 16.00 con un nuovo progetto: ´PIBS – Progetto imprenditoriale Beer Shop´. Il progetto offre alcuni fondamentali accorgimenti per chi voglia aprire una rivendita specializzata in birra artigianale, replicato anche martedì 21 febbraio sempre presso il Pad.A5 alle ore 12.30.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...